Prefazioni & postfazioni

Credere per vivere vuole essere un aiuto. Una sorta di guida,suddivisa in molti e brevi capitoli autonomi, scritta in un linguaggio facile ma non per questo meno accurata e profonda. Una traccia, dunque, per quel cammino di approfondimento della fede cristiana al quale nessuno, nella Chiesa, può oggi sottrarsi se non vuole essere travolto dai venti che soffiano in mille direzioni. Un singolare viaggio fin dentro alle radici del credere per riscoprirle e rinsaldarle, riflettendo sulla bellezza della fede cristiana che apre orizzonti umani e soprannaturali affascinanti e sorprendenti. Un tentativo di penetrare almeno un poco -insieme a Maria che in questa strada ci ha preceduti- in quel mistero di Amore che ci è stato rivelato e che ad ogni istante ci attende per attirarci a Sé.

Un’altro libro dall’impatto sorprendente ma non meno documentato ed efficace, da parte di un grande Autore.

Lo scrive il più grande mariologo vivente, Renè Laurentin, che però qui si dedica all’apologetica, sul versante (oggi sempre più attuale) dell’eterno rapporto -che molti vorrebbero conflittuale ed insanabile- fra scienza e fede.

L’ “ipotesi-Dio”, scartata dallo scientismo e dal positivismo ottocentesco, viene -infatti- rilanciata proprio dalle più recenti scoperte scientifiche (soprattutto astronomiche e fisiche).

Il racconto di un pellegrinaggio lungo gli antichi sentieri del Camino di Santiago di Compostela, passando da Lourdes. Ce lo fornisce un giovane scrittore, che cia spalanca gli occhi su una realtà appena nascente ma, proprio in questi anni, in tumultuosa crescita: quella di migliaia di ragazzi (e non) da tutto il mondo, disposti a ripercorrere, in tutto o in parte, le antiche vie medioevali che collegavano i santuari ed i luoghi della fede cattolica.

E non manca la dimensione esistenziale: il lungo sentiero a piedi è, infatti, quasi una parabola della stessa esistenza umana, fra pericoli e conforti, scoramenti e consolazioni, rivolta ad una Meta agognata e definitiva.

L’affascinante vicenda del Satorquadrat, un simbolo che attraversa la storia, intersecandosi con le vicende delle prime comunità cristiane. I mille enigmi e le sconcertanti risposte che hanno interessato studiosi di ogni tempo.

Rino Cammilleri li esamina con stile vivace ed avvincente, senza però tracurare l’analisi compiuta dei più importanti fra molteplici e profondi aspetti misteriosi del “Quadrato Magico”.

Uno squarcio nel silenzio: la storia della progressiva ed emozionante conversione al cristianesimo di Eugenio Zolli, il Rabbino Capo della comunità ebraica di Roma durante la Seconda Guerra Mondiale.

Solidale con il suo popolo, al punto di condividerne la persecuzione nazista nel ghetto, Zolli riconobbe il ruolo decisivo per la salvezza di migliaia di ebrei di Papa Pio XII, dal quale -una volta convertito, dopo un percorso sorprendentemente basato sullo studio della Scrittura e, in particolare, dell’Antico Testamento- volle prendere il nome di battesimo alla nuova fede proprio da Papa Eugenio Pacelli.

La sconvolgente storia delle apparizioni mariane del 1858, raccontata dal maggiore studioso di quell’avvenimento, l’Abbé René Laurentin. La sintesi dell’imponente opera di documentazione biografica su Bernardette, iniziata da Laurentin nel 1954.

La lettura è avvincente e snella, ma la preparazione pluridecennale di Laurentin garantisce la precisione delle date e degli avvenimenti, fornendone un’interpretazione vicina alla realtà ed alla vita dei protagonisti: uno strumento indispensabile per accostarsi ai fatti di Lourdes e per ininziarne lo studio e -in un’ottica di fede- la meditazione.

Una approfondita e documentata guida alla visione del discusso capolavoro dell’attore-regista australiano, che ha diviso ed estasiato, provocato conversioni immediate quanto sincere e radicali, determinato feroci polemiche, provenienti -in particolare- da ambienti dell’ebraismo.

Il caso cinematografico dell’anno viene posto da Andrea Tornielli (vaticanista de Il Giornale e scrittore efficace e preparatissimo) al vaglio dell’esegesi ufficiale e dei più recenti ritrovamenti archeologici. I quali confermano la bontà del lavoro preparatorio, prima che artistico, del cattolico Gibson.

La vera storia di Isabella, regina di tutte le Spagne, vituperata dalla storiografia ufficiale solo perchè “cattolica”, nell’appassionata ricerca del più grande storico francese di quella straordinaria epoca storica.

Dumont racconta -con stile snello e brillante, ma senza tradcurare i particolari della vita personale della sovrana- l’ascesa al trono di Isabella la Cattolica nel contesto delle lotte intestine fra i reami iberici e gli anni di governo del nuovo ed unificato regno, attraversato da mille conflitti ma proteso, dopo la scoperta delle Americhe, verso un futuro che finirà per coincidere, per lunghi secoli, con quello del cristianesimo stesso.

Indagine fra storia e scienza sul lenzuolo che avrebbe avvolto il corpo di Gesù Cristo e che, nonostante tutti i tentativi d’esorcizzarlo, continua a rimanere un mistero pieno di sorprese.

Gli autori ripercorrono i più importanti studi interdisciplinari sulla Sindone, confrontandoli con il famoso “esperimento” con il Carbonio 14, che a suo tempo fece scalpore, ma che è smentito da quasi tutte le altre indagini scientifiche condotte su quel lino. Un telo che sembra volersi sottrarre, non senza lasciare sconcertanti indizi, alle certezze della scienza per rimanere esposto solo agli occhi della Fede.

L’ex direttore dei missionari del PIME affronta con alcuni uomini e autori di fede il delicato tema della nuova evangelizzazione in altrettante interviste.

Ne viene fuori uno stimolante caleidoscopio di opinioni e fatti che aiuta a comprendere bene il rapporto fra l’uomo contemporaneo e la fede cristiana e cattolica di sempre.

Fra le interviste di Padre Gheddo, spicca quella a Vittorio Messori.

Una interessante sintesi dei più eclatanti e discussi scenari per gli anni Duemila, che proprio in quel momento hanno inizio.

Previsioni scientifiche e sociologiche vengono messe a confronto dall’Autore con i messaggi ricevuti da veggenti e con la Scrittura biblica, in un quadro complesso -ma, nella sua sintesi divulgativa- estremamente efficace.

Ne viene fuori un libro che -sia pure dedicato ad argomenti “scivolosi”, da maneggiare con prudenza e cura- è un agilissimo escursus su temi a cui la prospettiva del nuovo millennio rende sensibili molti.