Vivaio, Dicembre 2016

di Vittorio Messori, Il Timone

Negli innumerevoli commenti sulla inarrestabile  migrazione , soprattutto africana,  verso l’Europa ritorna , come un mantra , la solita chiamata a giudizio del colonialismo,  come responsabile della condizione disastrosa  del Continente nero . E’ un problema  che anni fa ,  in questa rubrica,  si è  già affrontato, mostrando come , in realtà ,  la condizione africana sia assai peggiorata dopo la decolonizzazione, con l’avvento al potere di corrotte  e spesso sanguinarie oligarchie indigene. Invece , per i  Paesi che possedevano imperi coloniali, l’abbandono di quei territori  ha significato  un colpo di fortuna economico . L’Europa si è ritrovata ben  più ricca grazie alla decolonizzazione.

Prendiamo la Francia , titolare del maggior impero coloniale dopo la Gran Bretagna. Trovo precise tavole  economiche che si riferiscono ai primi anni cinquanta  quando , dopo la guerra mondiale  , al  Paese transalpino erano  ritornati i territori africani ed asiatici  e   non si erano ancora costituiti  quei “ movimenti di liberazione “ che quasi sempre  non furono spontanei ma furono creati e sostenuti dall’Unione Sovietica.

Il governo francese pretendeva  che le imprese della madrepatria non fossero libere di scegliere all’estero  i prodotti più convenienti ,   ma  acquistassero dalle proprie colonie ciò che  potevano offrire . Una sorta di “ tassa “ pagata da ogni francese per sorreggere quelle terre lontane. Successe, del resto, anche in Italia,  dove il fascismo istituì addirittura un “ monopolio sulle banane “ , costringendo gli italiani a consumare solo i frutti coltivati in Somalia . Erano di qualità inferiore e di un prezzo superiore rispetto a quelli di altre zone africane , ma la nostra colonia doveva essere privilegiata.

I francesi stavano ancor peggio , vista l’estensione del loro impero coloniale .  Dicevo di quelle tavole statistiche  anni Cinquanta . Ne risulta che il   vino   doveva esser acquistato    dai grossisti francesi in Algeria a 25 franchi  al litro , quando quello  spagnolo  o greco, di eguale qualità , costava 19 franchi. Il caucciù dell’Indocina  era pagato 5 franchi al chilo, contro un prezzo mondiale di 2,50.Il cacao della Costa d’Avorio  costava ai francesi 220 franchi invece  di un prezzo internazionale  di 180. Lo zucchero della Antille : 2,20 franchi invece di 0,50. E così via . A questo fardello economico , la Francia aggiungeva le grandi  spese per le infrastrutture coloniali  – strade, porti, scuole, ospedali – e il mantenimento di militari e di funzionari civili.

Non a   caso gli inglesi , come al solito realisti e pragmatici, appena poterono si liberarono del loro immenso impero senza sparare un solo colpo di fucile  e tirando, anzi, un grosso sospiro di sollievo. I francesi , meno attenti al business e più propensi ai richiami della grandeur  e del drapeau sventolante in terre lontane  , si impelagarono in guerre in Indocina , in Algeria , nel Madagascar ( qui, spesso lo si ignora, vi furono dai 60 ai 100 mila  morti ) e altrove, ovviamente con altre spese stratosferiche  . In ogni caso , quando fu costretto a rimpatriare le sue  truppe , il Paese cominciò il   maggiore boom  economico del secolo . Come, del resto, in Gran Bretagna , mai stata così ricca  dopo la rinuncia all’impero. Al contrario ,  nelle ex colonie,   cominciò il  disastro  che ancor oggi   peggiora di anno in anno, malgrado l’invenzione di un termine consolatorio e bugiardo : << Paesi in via di sviluppo >>.

Un semplice appunto, questo nostro per ricordare che le attuali  migrazioni in massa  degli africani hanno radici ben più complesse di quanto voglia il semplicismo demagogico, anche clericale, che dà ogni colpa al colonialismo.  Ancora una volta va ricordato : la storia è complessa e gli ingenui o i provocatori  che vogliono dividere l’umanità tra buoni e cattivi hanno sempre torto.

XXXXX

Falcone Lucifero, dei marchesi di Aprigliano, morto alla soglia dei cento anni , fu sino all’ultimo  il “ Maestro della Real Casa “ di Umberto II: un ruolo , il suo,   solo virtuale, poiché  seguì nell’esilio il re  che aveva abdicato dopo il referendum del 1946. A Cascais , dove aveva dimora l’ex-sovrano, fu per lui fedele amico , rappresentante ufficiale  , segretario privato. Scopro , nelle sue memorie , che , nella   stanza da letto nella modesta  villa in Portogallo, sopra il comodino , Umberto II tenne sino alla morte una busta con alcune lettere . Non fotocopie ma autentiche.  Erano firmate , come costume del mittente  , “ sac. Bosco Giovanni “ . La cosa fu confermata dai familiari del sovrano in esilio.   Anche se l’ex-re non lo disse neppure al marchese Lucifero  e si limitò a farlo intuire , si trattava   delle lettere che erano state inviate al suo bisnonno, Vittorio Emanuele II, per dissuaderlo dalle leggi anticlericali  prima del Piemonte e poi del Regno d’Italia . Missive assai severe , dove si prospettavano persino castighi divini. C’è da riflettere : come avvertiva   don Bosco – ispirato dai suoi sogni   inquietanti –  si annunciava  persino la fine della dinastia dei Savoia in quanto regnanti.

Non si era voluto ascoltare  la voce di Dio attraverso il suo messaggero,    e adesso ecco qua : non più il Quirinale , ma  una casa  borghese sull’atlantico  con addirittura il divieto , sancito dalla nuova costituzione, di rientrare in Italia. Insomma , il Risorgimento come orgogliosa  impresa sabauda , finito in alcune , vecchie lettere sul comodino dell’ ex re . Un memento malinconico sul quale Umberto, sincero cattolico , voleva  evidentemente meditare ad ogni sera e ad ogni risveglio.

XXXXX

Papa Francesco, affrontando il suo primo viaggio  negli Stati Uniti , ha voluto fare una prima tappa a Cuba . Da sempre, fin da quando non era che un gesuita argentino ,  ha rapporti cordiali  con il regime di  Fidel Castro  e , da papa,  è stato   un mediatore decisivo per giungere alla ripresa dei contatti tra Washington e  uno degli ultimi regimi esplicitamente comunisti. L’incontro cubano, come previsto ,  è stato molto  cordiale e il papa ha celebrato la messa nel luogo  simbolo de l’Avana, la Plaza de la Revoluciòn ,   dove    campeggia da sempre  un grande ritratto  di quell’   eroe nazionale castrista che è Ernesto Guevara , detto “ el Che “.

Va detto che  di fronte a quella gigantesca icona  hanno  consacrato il vino e il pane   anche   i due predecessori di Bergoglio, Wojtyla e Ratzinger . Francesco, dunque , era buon terzo .Del resto , l’Unesco ha incluso gli scritti del guerrigliero comunista addirittura  nella “ Memoria del mondo “, includendoli  nella lista del “ Patrimonio dell’umanità “ .

Devo dire  che questi omaggi di Nazioni Unite e Chiese ( non soltanto quella cattolica )  mi hanno sempre sorpreso. Possibile che nessuno abbia mai   letto quegli scritti,  incoronati come una ricchezza per il globo intero ? Eccone un piccolo assaggio, che traggo  dai “ Testi politici “ del Che : << L’odio come fattore di lotta. L’odio intransigente contro il nemico  che permette all’uomo di superare i suoi limiti naturali e lo trasforma in una efficace , violenta , selettiva, fredda macchina per uccidere . I nostri guerriglieri  devono essere così : un popolo senza odio non può distruggere un nemico brutale >> . Un altro assaggio, sempre da quel  “ patrimonio dell’umanità “    : << Amo l’odio, bisogna creare l’odio e l’intolleranza tra gli uomini  perché solo questo li  trasforma in perfetta macchina per uccidere >>.  Scegliendo ancora a caso : << La via pacifica è da scordare e la violenza è inevitabile . Per la realizzazione del regime socialista a Cuba  dovranno scorrere fiumi di sangue nel segno della liberazione , anche a costo di una reazione atomica >>.  Chi scriveva queste cose   ( e molte altre ancora ), tutte all’opposto del Dio solo misericordia di Bergoglio,   non si limitava alle minacce ma sapeva anche passare ai fatti .  Stando alle stesse pubblicazioni    del regime – che ne fanno un titolo di gloria –  il  mitico e venerato  Che  è stato personalmente coinvolto in 144 esecuzioni sommarie , alcune delle quali eseguite da lui stesso .

Non sono di certo  un ingenuo idealista , rido dei  candidi utopisti ,  capisco bene le ragioni e spesso gli obbligati cinismi  della politica , anche di quella  vaticana  . Ma continuerò a non capire perché mai nessuno tra gli ospiti illustri dell’Avana abbia mai fatto almeno un cenno che mettesse in discussione l’aureola posta sul capo di un simile personaggio .

XXXXXX

La lettura e la riflessione su Alexis de Tocqueville-  il filosofo della politica nonché  politico in proprio, l’iniziatore della sociologia moderna –   mi accompagnano sin dai tempi universitari. Laico, liberale,  ma rispettoso della religione, contrario all’anticlericalismo del suo tempo ( l’Ottocento),  ispiratore anche di Cavour,  seppe però scrivere cose come questa : << In tutta la storia di tutti i popoli la miscredenza è sempre  stata un raro  accidente.   La  normalità di ogni popolo è stata, è, e sarà ,  una fede religiosa >> .

Quanto però alla stima per le   religioni , de Tocqueville fa una eccezione    che è anche una profezia che   oggi vediamo realizzata . Scrive , infatti ,   e questo, si badi,  a metà dell’Ottocento :  <<  Dopo aver molto  studiato   il Corano, la convinzione a cui sono pervenuto è che     vi siano state nel mondo poche religioni altrettanto letali per l’uomo di quella di Maometto. A quanto vedo l’Islam è la causa principale della decadenza oggi così evidente nel mondo musulmano, e benché sia meno assurdo del politeismo degli antichi,  le sue tendenze sociali e politiche sono secondo me più pericolose. Per questo, rispetto al paganesimo, considero l’Islam una forma di decadenza anziché una forma di progresso >>.

Quanto alla politica ,  de Tocqueville  saprà  essere altrettanto profetico , intravedendo che il pericolo della democrazia ( ai suoi tempi nata da poco ) sarebbe sato inevitabilmente   il populismo  . Proprio ciò che noi, ora, vediamo in atto in Europa e anche nella Americhe , quella del Nord compresa . Stabilisce , con anticipo di un secolo, le caratteristiche che avrà ogni demagogia populista . Leggendolo , sembra di vedere  una descrizione perfetta  di un Beppe Grillo  o di quel  Gianroberto Casaleggio che ha usato il comico come altoparlante. Vediamo dunque la tappe di ogni “ grillismo “ secondo de Tocqueville : << All’inizio c’è sempre un predicatore carismatico , c’è l’invidia  dei mediocri e degli anonimi per i privilegiati , c’è l’odio per chiunque  comandi,  c’è l’ossessione    della minaccia  un nemico sia interno che esterno, c’è una semplificazione brutale della realtà , c’è la certezza di far parte di una comunità di salvati dall’apocalisse imminente >>. Può esserci descrizione più precisa  di quel cinquestellismo che ci  circonda , anzi ci minaccia  ?

 

XXXXXX

 

I lettori  che   mi hanno seguito negli  anni sanno  che , né in libri né in giornali, mai  sono entrato in questioni politiche del momento  . Mi fu dato di scoprire il Vangelo mentre stavo laureandomi proprio in Scienze Politiche e    a quei temi pensavo di dedicare il mio    desiderio di scrivere. Ma quando la fede , senza alcun  merito,  irruppe improvvisamente nella mia vita,  compresi  che dovevo dedicarmi unicamente  all’ approfondimento  della verità evangelica . Già troppi si occupano  delle vicende di questa  vita e ben pochi  ( purtroppo  nella Chiesa stessa )  si occupano  di quell’altra vita, quella nientemeno che eterna ,   per     aprirci  la quale il Cristo è venuto. Così ,   non ho aggiunto nulla neppure  al profluvio impressionante  di parole  pro e contro Silvio Berlusconi , profluvio che dura ancora e  da ormai più di vent’anni.  Posso dunque permettermi qui    un cenno che non ha né vuole avere , significato politico,  bensì umano. Un cenno che può forse aiutarci a capire  quanto sia oggi  confusa  la scala dei valori . Il Berlusconi di cui parlo ha raggiunto gli 80 anni proprio mentre i chirurghi gli praticavano una difficile e  rischiosa operazione a cuore aperto. Non è un mistero che ha già subito un’altro, non irrilevante intervento medico , a causa di un tumore della prostata . Altri guai lo hanno riguardato, come le non lievi  lesioni   quando uno squilibrato gli fracassò sulla testa  un robusto souvenir turistico preso da una bancarella .  Ha alle spalle una vita familiare complicata , con un paio di divorzi e con molte altre cose  in questioni sessuali , tanto da avere subito , in materia , addirittura dei processi . Giusti o sbagliati che siano noi non sappiamo e  qui non ci interessa.  Qualcuno ha fatto la conta : per questioni non sessuali       ma politiche,   sono ben 73 i processi nei quali è stato e, per molti di loro ,  è  tuttora implicato.  Ebbene , per l’importante compleanno ( gli 80 , per la Bibbia, sono addirittura il termine estremo della vita umana )  il già capo del nostro governo ha concesso una intervista approfondita ,  che è andata su tutti i media . Come ultima domanda , il giornalista gli chiede se  ha rimpianti , magari rimorsi , riandando al suo lungo passato , pieno di successi e di insuccessi , di gioie e di dispiaceri.  Questa , senza esitazioni , la risposta di Berlusconi : << Sì, mi addolora  soprattutto  il  fatto che i tanti  altri impegni  mi abbiano  impedito di dedicare alla mia  squadra , il Milan, tutto il tempo che avrei voluto e che i giocatori e  i tecnici  meritavano >>.

Non si vuole, lo dicevamo,   giudicare alcuno o assumere – Dio scampi ! – parti politiche.   Ma mi si lasci dire  che  una simile risposta mi è sembrata molto  rattristante .

 

XXXXX

 

Settantun anni dopo la fine della guerra , ecco arrivare il solito 25 aprile, la solita commemorazione di quella  Resistenza che sarebbe stata combattuta   da coloro che sono iscritti all’Anpi , Associazione Nazionale Partigiani d’Italia . Mi chiedo , ogni volta , quanti e quali siano questi iscritti, visto che i più “ giovani “ dovrebbero avere novant’anni e più. Vabbè , rallegramenti e auguri per gli intrepidi vegliardi . Ciò che   infastidisce uno come me , attento alla storia – magari anche minore – è che pure  quest’anno sia stato citato ( e spesso riproiettato in tv  ) il film Roma città aperta dell’antifascista Roberto Rossellini.  Certamente  “ antifascista “ il film lo è , ma certamente non lo fu  il regista : prediletto da Vittorio , il figlio di Musssolini, al giovane Roberto il regime commissionò , con larghezza di mezzi , i più importanti film di  propaganda della guerra al fianco dei tedeschi. Ancora all’inizio del     1943, dunque già sull’orlo del baratro,  fu distribuito nelle sale ( quella ancora scampate ai bombardamenti ) il film, di Rossellini appunto, dal  titolo L’uomo della croce  , storia di un   cappellano militare   che partecipa, zelante ed eroico  ,  alla spedizione  italiana nella guerra tedesca  contro l’Unione Sovietica. Naturalmente , il regista non   fa cenno alla disfatta e alla   ritirata nella neve , da cui pochi scamparono. Ritirata che, tra l’altro, era terminata da poco, con rari superstiti  Insomma, il solito film di propaganda bugiarda ,  al limite della spudoratezza . Nel luglio di quello stesso   1943 , il fascismo cadeva  e   venne poi l’occupazione tedesca di Roma ,  che ebbe fine all’inizio dell’estate  del 1944. Poche settimane  dopo l’arrivo degli Alleati ,  il nostro  già  cominciava a girare Roma città aperta. Come ha scritto un critico : << Nel film di Rossellini  di pochi mesi prima   ,   i comunisti  erano i malvagi da combattere e , se possibile , da convertire . Nel primo film  di un Rossellini “ illuminato “, pochi mesi dopo , sono i comunisti  che combattono per la libertà contro i fascisti >>.

I commenti sono superflui.

 

 

XXXX

 

Qualcuno ne parlato , sui media ,   nella lunga,   chiassosa  , spesso ridicola  campagna elettorale che ha preceduto l’elezione del presidente degli Stati Uniti. Questi esistono da 239 anni ma per 222 anni ( pari al 93 per cento del tempo ) sono stati in guerra . Due guerre  mondiali ;  guerre civili a partire  da  quella di secessione ;  guerre in Asia,  come in Corea ,  in Vietnam, in Afghanistan, in Iran,  nel Libano ;  guerre in Africa , come quella in Somalia ;  guerre nell’America Centrale, come in Guatemala. Non a caso, da sempre , nel Paese  le forze armate sono i maggiori acquirenti non solo di armi ma anche di tutto ciò che occorre per equipaggiare così grandi quantità di persone chiamate a battersi nel mondo intero. Su terra , su mare , nel cielo. Si sa come gli Stati Uniti amino definire se stessi come “ l’Impero del Bene “ , che combatte impavido  gli  “ Imperi del Male “ . Può darsi che qualche volta  sia andata così,  ma sarà  davvero accaduto,  sempre e comunque, in 222 anni di guerra ?

 

XXXX

 

In un’ Europa che discute non se ( ormai è deciso ) ma da quando e come liberalizzare le droghe, partendo per ora  dalla marijuana , continua la tenace  guerra al tabacco. Guerra  condotta da quegli stessi governi nei cui bilanci si aprirebbe un buco preoccupante se fossero presi sul serio e se , dunque,  diminuisse di molto la vendita di sigarette  . Su di esse , le tasse statali  superano l’80 per cento  e   c’è un provvedimento economico    immutabile  che si ripete  a ogni necessità urgente di denaro : aumento    immediato, da un giorno all’altro, di benzina e tabacco. L’ultima misura di dissuasione   ( imposta dall’Unione Europea )  è costituita dalle  foto  macabre su ogni pacchetto di sigarette  per ricordare sino a che punto  il tabacco  possa essere dannoso. Una delle    immagini, tutte repellenti,  mostra  una coppia in lacrime davanti a una piccola  bara bianca. La scritta  sottostante dice : << Il fumo può uccidere il bambino nel grembo materno >>.

Non si potrebbe  dire  meglio, credo,   di Luca Del Pozzo, un giornalista che scrive su il Foglio. Ecco qua : <<  Quella immagine sui pacchetti  è   cosa   che più ributtante non si può. Ripugnante  oltre ogni misura è l’ipocrisia di questi burocrati  che , mentre si preoccupano della salute del feto esposto al fumo dei genitori, non si fanno scrupoli  e anzi  promuovono come una battaglia di civiltà  quella cosuccia che il feto , a differenza  del  fumo, lo uccide di sicuro : l’aborto . Un crimine  contro l’umanità senza eguali  nella storia,  la cui aberrazione non conosce limiti se è vero, come è vero, che è ormai pratica comune   anche il  cosiddetto   “aborto a nascita parziale” , effettuato al nono mese di gravidanza tramite schiacciamento della testa del bambino  o ,  a scelta del chirurgo, lo spezzamento della colonna cervicale >>

Non dimentichiamo che , parola di Vangeli , ciò che suscita maggiormente la sdegno  e la condanna di Gesù è l’ipocrisia. Dai tempi in cui il Messia  era tra noi non solo  non è scomparsa ma non  ha fatto che accrescersi , sino ai vertici che dicevamo.