Tutti uniti contro i wasp

28 marzo 1994 :: Corriere della Sera

“L’America Latina fra pochi decenni sarà un continente ex cattolico”, sostiene lo scrittore Vittorio Messori. La colpa? Dell’establishment statunitense che finanzia l’espansione delle sette più disparate. Un’operazione che mira ad ottenere un cambiamento della cultura latino americana per renderla ancora più permeabile all’affermazione del modello dei wasp, gli anglosassoni puri. E questo con un obiettivo molto concreto: facilitare la conquista del business da parte del Nord. L’offensiva delle sette che, secondo Messori, gode di finanziamenti anche da parte della Cia, pare sia coronata da notevoli successi: si calcola che ogni ora 30 sudamericani abbandonino il cattolicesimo per aderire a una setta religiosa. Le cose vanno ancora peggio in Brasile, dove la situazione è aggravata dalla presa che i riti woodoo riescono a esercitare sulla popolazione locale. Unici a opporsi a questa avanzata sono proprio gli aderenti all’Opus Dei. Presenti in forze e in posizioni di rilievo nel mondo bancario e finanziario, si sono arroccati in difesa dell’indipendenza dei centri di potere economico latino americani e cercano di resistere contro la temibile avanzata dei businessmen del Nord.

© Corriere della Sera