Messori: un manager che aveva riscoperto il mistero religioso

15 dicembre 1997 :: Corriere della Sera, di Dario Fertilio

C’è un segno dei tempi, sia pure tragico e beffardo, nella morte del giovane Agnelli. Qualcosa che lo scrittore cattolico Vittorio Messori non esita a definire «postmoderno». E che si potrebbe tradurre così: la riscoperta del mistero religioso, della sua profondità insondabile, unita alla piena accettazione dello stile di vita capitalistico, da manager. Agnelli junior sarebbe dunque il testimone di una svolta generazionale nella dinastia piemontese: «Era il tipico esponente -secondo Messori- di coloro che hanno abbandonato il materialismo caratteristico di altre epoche, mettendo da parte la superficialità alto borghese». E non solo: «Ogni volta che Giovanni Alberto ha accennato alla religione -continua Messori- in lui non si trovava traccia del pudore, a volte elegantemente sfuggente, sempre dimostrato dallo zio. E questa è la spia di un cambiamento generazionale più vasto». Messori non ha conosciuto di persona il giovane Agnelli, ma ne ha seguito l’evoluzione religiosa attraverso le sue numerose dichiarazioni riportate dalla stampa. «Se mi sento di definirlo un postmoderno -spiega- è perché la cultura della modernità è stata un tentativo dell’uomo di costruirsi da solo, mentre la sensibilità successiva non può prescindere dalla caduta della speranza in una redenzione soltanto umana». Parte da lontano, Messori, per esprimere il suo giudizio sulla religiosità di Giovanni Alberto. Dalle scuole giapponesi di management, dove gli esercizi spirituali di Ignazio di Loyola sono entrati a far parte dei libri di testo indispensabili. Dal successo mondiale di un libro scritto da Bob Briner, direttore della maggiore scuola di management americana. Il titolo dice tutto: Gesù come manager, gli insegnamenti di Cristo per il business d’oggi. «Certamente vi si trova una caricatura della realtà -commenta Vittorio Messori- ma anche la testimonianza di un’apertura al mistero e all’enigma dell’aldilà, contrapposto alla tradizionale educazione laica e pragmatica delle classi alte. Quest’aria speciale il giovane Agnelli l’ha respirata in America, naturalmente, ma non bisogna dimenticare che già da ragazzo, anziché il laicissimo liceo D’Azeglio dei padri, aveva frequentato il San Giuseppe dei Fratelli delle scuole cristiane. E che poi il suo matrimonio è stato concelebrato dal parroco di Pontedera, dove è la sede della Piaggio, e dal vescovo di Pisa. E che, infine, l’arcivescovo di Torino Saldarini nel suo messaggio ha lasciato capire di averlo conosciuto». Quanto all’incontro tra Giovanni Alberto e l’arcivescovo africano monsignor Milingo: «Sono in grado di confermare tutte le voci sui contatti tra lui e la famiglia -dice Messori-. Del resto, perché no? Milingo è un carismatico come lo è stato padre Pio. Ho assistito personalmente ad alcune sue liturgie, ho incontrato centinaia di persone che affermano di averne tratto giovamenti materiali o spirituali. La sua assistenza ad Agnelli junior può averlo aiutato molto: monsignor Milingo non soffre di certi pudori che sembrano attanagliare tanti preti di oggi». Qui Vittorio Messori non può fare a meno di esprimere il suo «sfogo amaro per tanti commenti buonisti, sentimentali, sociologici cui si sono lasciati andare uomini di chiesa e credenti a proposito di questa morte». Ma è sull’originalità del giovane, mancato erede Agnelli che Vittorio Messori preferisce insistere: «La dinastia torinese, fino a questo ragazzo postmoderno, si era sempre caratterizzata per un rispettoso e prudente distacco dalla Chiesa. Il fondatore, come a suo tempo Vittorio Valletta, facevano parte piuttosto della borghesia liberale. Con Giovanni Alberto è scattato qualcosa di nuovo e imprevedibile: la sua scomparsa prematura è una beffa tragica, uno scandalo cui soltanto chi crede può trovare risposta».

© Corriere della Sera

5 commenti
  1. web hosting services
    web hosting services dice:

    Heya outstanding website! Does running a blog similar to this require a large amount of work?
    I’ve virtually no expertise in computer programming however I had been hoping to start
    my own blog soon. Anyhow, should you have any recommendations or
    tips for new blog owners please share. I know this is off topic but I simply wanted to ask.
    Thanks a lot!

  2. cheap flights
    cheap flights dice:

    Hey! This is kind of off topic but I need some guidance from
    an established blog. Is it very difficult to set up your
    own blog? I’m not very techincal but I can figure
    things out pretty quick. I’m thinking about making my own but
    I’m not sure where to start. Do you have any
    points or suggestions? Thank you yynxznuh cheap flights

  3. cheap flights
    cheap flights dice:

    I was suggested this web site by my cousin. I am not
    sure whether this post is written by him as no
    one else know such detailed about my problem. You’re amazing!
    Thanks!

I commenti sono chiusi.