Una Madre. Anche per gli “yankees”…

13 dicembre 2010 :: Corriere della Sera, di Vittorio Messori

L’orgoglio degli americani soffriva di una mancanza: già avevano fatto venire Gesù nei futuri States (così affermano i 6 milioni di Mormoni) ma la Madonna, almeno ufficialmente, non era mai stata tra loro. Ma ecco che l’8 dicembre, nel giorno dell‘Immacolata Concezione, la Chiesa ha sentenziato in modo solenne, per voce del vescovo di Green Bay nel Wisconsin, che Maria è davvero apparsa nell’America del Nord. E’ la prima volta che una apparizione negli Usa è riconosciuta ufficialmente come autentica.

Il Messico, nel 1531, ha avuto Guadalupe, che provocò la nascita del santuario forse più frequentato del mondo. Per stare nelle Americhe, autentici pure, secondo la Chiesa, i fatti che diedero vita a un altro enorme santuario, quello brasiliano dell’Aparecida (1717). Il Venezuela vide riconosciute le apparizioni della Finca Betania, avvenute nel 1976. Per non parlare della Francia, che ha il primato (Le Laus, 1664; La Salette, 1846; Lourdes,1858; Pontmain,1871). Anche il Giappone (Akita, 1973) e la Polonia (Gietrzwald, 1877), ebbero Maria tra loro. Persino l’Africa Nera (Kibeho, nel Rwanda, 1981) ha goduto di una apparizione mariana dichiarata soprannaturale. Nulla, invece, per gli yankees.

Sinora, lo dicevamo, milioni di statunitensi credevano che le popolazioni originarie della loro terra fossero i discendenti di tribù emigrate da Israele prima di Cristo. E Gesù stesso, dopo la Risurrezione, sarebbe venuto nel territorio dei futuri Stati Uniti. Anzi, proprio qui avrebbe dato il meglio del suo insegnamento. E’ questo, in effetti, il Credo di quella religione tipicamente made in Usa che è il mormonismo, ufficialmente “Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni“. Quanto alle presunte apparizioni di Maria, sono state numerose, ma nessuna ha superato le severe inchieste della Gerarchia cattolica.

Adesso, la svolta, anche se sono occorsi 151 anni per giungere alla decisione. I fatti, in effetti, si svolsero a Champion, sobborgo di Green Bay, nel 1859, cioè un anno dopo Lourdes. Anche nel Wisconsin la protagonista fu una ragazzina, figli di immigrati belgi. Per tre volte, una Signora radiosa, vestita di bianco, le apparve e le disse: “Sono la Regina del Cielo che prega per i peccatori e desidero che tu faccia lo stesso“. Aggiunse poi: “Riunisci i figli di questo Paese selvaggio e insegna loro ciò che devono sapere per salvarsi“. Il comando della Signora fu preso radicalmente sul serio, tanto che Adele Brise –questo il nome della veggente– aiutata da un’amica che era presente alle apparizioni e che aveva lei stesso visto e sentito, fondò una Congregazione per l’eucazione dei figli dei poveri immigrati. Morì nel 1896 in odore di santità e sul luogo dell’Incontro sorse una santuario ancora oggi molto frequentato: la Chiesa vi permetteva il culto, ma non si pronunciava sulla verità delle origini.

L’attuale vescovo di Green Bay, mons. David Ricken, ha ripreso il dossier storico, impressionato soprattutto dal fervore dei pellegrini e basandosi, dunque, sul criterio dato da Gesù stesso: “Dai frutti conoscerete l’albero“. Tanta devozione, durata un secolo e mezzo, poteva avere solo origini genuine. Così, nel giorno della Immacolata, nella sua cattedrale, ha letto solennemente un decreto: “Dichiaro con certezza morale e in base alle norme della Chiesa che le apparizioni e i discorsi ricevuti dalla Serva di Dio Adele Brise nell’ottobre del 1859 hanno verità di carattere soprannaturale. Io, con la presente, approvo queste apparizioni della Vergine Maria come degne di fede”. Il vescovo precisa che accettare questa verità “non è obbligatorio“ per i credenti, ma questa è la norma che sempre vale per questi eventi.

Grande esultanza, comunque, non solo nel Wisconsin ma in tutto il Paese, dove –malgrado tutto– quella cattolica è la Comunità religiosa con il maggior numero di aderenti. Come ha osservato Massimo Introvigne, sociologo delle religioni:“Anche questo è un segno che la Chiesa americana è molto cambiata. Dopo l’ubriacatura progressista e la crisi dei preti pedofili, i credenti si sono stretti attorno ai Vescovi e al loro insegnamento: anche nel rilancio della devozione mariana“.

© Corriere della Sera