messorilago5

Otto anni dopo la prima edizione, dopo molte ristampe e traduzioni, ritorna Ipotesi su Maria con 13 capitoli inediti: più di 120 pagine aggiunte ai 50 capitoli originari.

Qui di seguito la presentazione dell'editore nel retro di copertina

Nel 2008, trent’anni dopo il suo primo libro (Ipotesi su Gesù) divenuto subito un best e long seller mondiale, Vittorio Messori pubblicava Ipotesi su Maria. Un volume che, come tutti quelli (ormai più di 20) dell’Autore, è stato accolto dai lettori con grande favore, ha esaurito molte ristampe, è stato tradotto in diverse lingue ed è tuttora «vivo» nel catalogo dell’editore milanese. Ma la ricerca mariana di Messori è proseguita in questi anni. Così, l’Ares presenta ora non una nuova ristampa, bensì una nuova edizione di Ipotesi su Maria, arricchita di 13 capitoli inediti, caratterizzati come sempre da quello stile che ha determinato il successo di Messori: la vivacità e la chiarezza del giornalista professionista unite alla solidità dello studioso esperto, dalla documentazione aggiornata e sicura. Inoltre, anche in questi nuovi capitoli, vi è la consueta, vivace scorribanda tra dogma e aneddoto, tra teologia e devozione spirituale, tra esegesi biblica e apparizioni. Dunque, si amplia ancora, nella nuova edizione, quella carrellata in un mondo luminoso e al contempo spesso sconosciuto, guidati da uno scrittore che non nasconde affatto la sua fede ma è allergico alla retorica mielosa di certo devozionalismo. Un autore che apprezza il sentimento, ma è lontano da un sentimentalismo che rischia di allontanare i nostri contemporanei da Colei che non a caso la Tradizione chiama «Madonna», cioè «Mia Signora».

Slide background

Super Flexible Layout Builder

Tons of Elements

Real Drag and Drop

Fullscreen Option

Undo/Redo functionallity

L’eterno destino di Torino tra cadute e riprese 

30 luglio 2016 :: Corriere della Sera, di Vittorio Messori

Potrebbe chiudere il Salone del Libro di Torino (per andare a Milano). Lo spunto per una riflessione sul destino della città.

La fede nel Vangelo e la paura inquietante della scristianizzazione

2 luglio 2016, di Vittorio Messori, Corriere della Sera

Il ritorno del Cristo e ‘fede sulla Terra’.

E neppure Messori ci ha ingannati

PapalePapale.com :: 11 ottobre 2012 di Antonio Margheriti Mastino

Un articolo su Messori di Antonio Margheriti Mastino.

«Anche per Lourdes don Bosco arrivò prima»

15 marzo 2016 :: Bollettino Salesiano di Don Bruno Ferrero

Intervista a Messori in occasione della nuova edizione di Ipotesi su Maria

Umberto Eco da cattolico ad ateo, l’enigma del distacco dalla fede

22 febbraio 2016 :: Corriere della Sera, Vittorio Messori

Muore Umberto Eco, intellettuale laico, già cattolico….

Natale e la debolezza dell’Europa che a quei valori non crede più 

1° dicembre 2015 :: Corriere della Sera

Vittorio Messori sui recenti avvenimenti attorno al Presepe ed al Natale.

Per Vittorio Messori “certe parole del Papa” possono essere fraintese da persone non vicine alla Chiesa

La Fede Quotidiana, 27 novembre 2015, di Bruno Volpe

Bella e stuzzicante intervista a Vittorio Messori.

Quarant’anni di “Tuttolibri”

31 ottobre 2015 :: La Stampa, di Vittorio Messori

Il ricordo di quel 1975 e del clima in cui nacque l’inserto culturale de La Stampa.

Novità & appuntamenti

Bernadette in polacco

Alle già molte traduzioni di Bernadette non ha ingannati, si è aggiunta ora la traduzione polacca. Ha per titolo Tajemnica Lourdes e per sottotitolo Czy Bernadeta nas oszukala? . L’editore è Wydawnictwo Znak di Cracovia, la città di cui Karol Wojtyla era arcivescovo.

Bernadette… da Oscar

Dopo otto ristampe nell’edizione rilegata, a un anno dalla prima uscita in libreria, la Mondadori ha pubblicato Bernadette non ci ha ingannati di Vittorio Messori nella collana Best Seller dei suoi famosi libri tascabili, gli Oscar. Come sempre per queste collezioni economiche, il prezzo è particolarmente ridotto: 10,50 euro. Messori è presente nel catalogo Oscar Mondadori con libri usciti da tempo eppure ancora continuamente richiesti. Si tratta, oltre al volume su Bernadette, di Conversione, Inchiesta sul cristianesimo, Il mistero di Torino, Opus Dei, Varcare la soglia della Speranza.

Vittorio Messori

Sebastiano Mallia spiega bene, qui sotto, come siano andate le cose e perché sia in rete questo sito che -per iniziativa dello stesso Mallia- prende il nome (et-et) di un capitolo di Qualche ragione per credere.

Se, dopo lunga esitazione, ho finito per arrendermi al suo entusiasmo è anche perché ormai da tempo, e da più parti, mi si chiedeva un luogo dove fossero raccolte informazioni sul mio lavoro. Lavoro che, va pur detto, era reso più gravoso dalla necessità di rispondere a chi voleva sapere se e con quale titolo un libro fosse stato tradotto in qualche lingua o che cosa di nuovo stessi scrivendo o ottenere conferma di un dato biografico per una tesi o altre notizie e notiziole. Ora, con risparmio di tempo ed energie, avrò la possibilità di rinviare i miei corrispondenti a questo sito. Avvertendo, peraltro, che alla buona fattura tecnica e all’accuratezza delle informazioni, affianca –temo– qualche motivo di imbarazzo.

In effetti, questo giovane avvocato (che per anni ho conosciuto soltanto per le belle lettere che scriveva, a me “padano”, dal più meridionale –o quasi- punto d’Italia…), questo siciliano “verace”, dunque, sembra affetto da un’eccessiva generosità verso i miei scritti. Metto dunque, subito, le mani avanti : di questo sito ho verificato l’esattezza delle notizie biografiche ed editoriali ma non ho avuto alcuna responsabilità per tutto il resto, che ho visto solo dopo la stesura. Anzi, ho cercato di mitigare in qualche modo certe espressioni del Mallia che mi sono subito sembrate troppo benevole. Inutilmente, peraltro. Lascio dunque a lui tutta la responsabilità di certi entusiasmi.

Leggi tutto

Vittorio MessoriProtagonista di queste pagineVittorio Messori, le pagine web autorizzate
Sebastiano Mallia

Proprio un anno fa, di questi tempi, dopo un paio di mesi passati ad esplorare da neofita l’universo-Internet e dopo aver finito di lavorare ad una specie di sito personale, visitavo il sito dedicato allo scrittore cattolico Rino Cammilleri. Nel guestbook (il libro degli ospiti) di quelle pagine avevo trovato, con il plauso di tanti per quella iniziativa, il rammarico per il fatto che, viceversa, non era stato fatto qualcosa “per” Vittorio Messori. Già, mi chiedevo, come mai nessuno aveva pensato di fare un sito su Messori?

Era, come spiegherò fra poco, una domanda ingenua.

Ad ogni buon conto: un po’ per la voglia di colmare, in qualche modo, quel vuoto; un po’ perché volevo crearmi un archivio delle pagine web che raccogliesse i suoi interventi, articoli ed interviste fino a lì pubblicati; un po’ perché ci avevo preso gusto a confezionare barre e disegni, pensai bene di dedicare il resto delle mie casalinghe ferie d’agosto ad abbozzare una “Ipotesi di sito”. Pagine che io stesso definirei oggi inguardabili (ma che tengo ancora in memoria come ricordo), ma che ebbero prima uno e poi altri successivi restylings.

Nel frattempo stava per concludersi l’anno del Giubileo ed avendo, anche se più per diletto che per altro, impegnato un po’ di tempo in quelle cose, decidevo di fare partecipe l’interessato, con il quale (come gran parte dei suoi lettori) avevo contatti di posta sin dal 1996.

Nel rispondermi, con il consueto garbo, Messori mi disse che, naturalmente, non ero il primo che gli proponeva un sito a lui dedicato ma che, fino ad allora, aveva tentennato più per indecisione che per altro, volendo valutare bene i pro e i contro dell’iniziativa.

Ritenendo che, in fondo, ciascuno è il miglior custode della propria immagine e non volendo (pur essendo legittimo) lanciare un sito dedicato allo scrittore senza il suo assenso, smisi di lavorare a quelle pagine. Prima di farlo, tuttavia, pensai bene che, forse, sarebbe stato simpatico mandargliene una copia, con un floppy.

Leggi tutto

Sebastiano MalliaAmministratore del sitoVittorio Messori, le pagine web autorizzate

In libreria :: da Fede e Cultura edizioni

Ecco mia madre – Maria nell’esperienza di una vita

128 pagine, prezzo 12,50 € – ISBN: 978-88-6409-235-5

“La devozione alla Vergine Maria è una delle vie privilegiate per risvegliare ed esprimere la fede Cristiana, anche in questi tempi di secolarizzazione. Lo dimostrano i numeri dei pellegrinaggi, sempre in crescita, a Lourdes, Fatima, Medjugorje e in tutti gli altri santuari mariani. Luoghi pieni di vita perché attestano la presenza tuttora operante della Madonna che si esprime in guarigioni fisiche ma soprattutto spirituali.

L’Autrice racconta la sua personale esperienza di quest’amore liberante e presenta spunti di riflessione sui temi mariani per spiegare come la Vergine operi concretamente nel nostro cuore per aprirlo verso l’alto, attraverso il suo amore materno, e interceda presso il Figlio per ottenerci tutte quelle grazie di guarigione di cui abbiamo bisogno.

NOTE BIOGRAFICHE SULL’AUTRICE 

Rosanna Brichetti Messori, laureata in giurisprudenza e specializzata in sociologia e teologia, è giornalista e scrittrice. Da molti anni, con il marito, lo scrittore Vittorio Messori, si dedica alla ricerca su tematiche religiose, affrontando soprattutto il problema del posto della fede cristiana nella nostra società postmoderna.

Ha pubblicato anche: Credere per vivere (2007), Fede, un incontro non una teoria (2012) e due Quaderni del Timone, La Medaglia miracolosa, sintesi mirabile di fede e devozione e I Sacri Cuori di Gesù e di Maria: che cosa ha voluto dirci il Cielo?

Ciao